Il giorno 18 si apre con delle minime in pianura che sono comprese tra -3° e -7°. Il sole fa alzare le temperature, ma le massime comunque non superano i 2-3° in molte località. Dal tardo pomeriggio si fa strada una certa nuvolosità, è il segno che sta per arrivare la perturbazione attesa. Nel tardo pomeriggio/prima serata giungono le prime notizie di nevicate nel NordOvest, iniziano le danze.

 

In un primo momento è la parte meridionale ed occidentale della regione a vedere le prime nevicate, in successiva espansione a tutta la pianura.

L’evento fa subito vedere la sua forza, le temperature attorniano gli 0° ma ai primi fiocchi la temperatura scende e verso mezzanotte nevica con -3° in molte zone. Durante tutta la notte e fino all’ora di pranzo di sabato 19 la neve cade incessantemente e con temperature negative anche nelle località costiere.

Sotto i 10 cm gli accumuli nelle pianure adiacenti ai rilievi vicentini e veronesi, tra 10 e 20 cm in una fascia centrale della regione e superiori a 25 cm in alcune zone del Polesine e del Veneziano.

Nel pomeriggio le temperature rimangono sotto gli 0° e già dalla prima serata sono comprese tra -3° e -7° in diverse località. La copertura nuvolosa prima e la nebbia poi inibiscono il calo termico, ma la qualità dell’aria fredda mostra la sua forza e alcune località riescono a finire sotto i -10° prima della mezzanotte: Musile di Piave -11.9°, Adria valliera -11.8°, san Donà di Piave -11.4°

Domenica 20 le minime raggiunte sono davvero da brivido: -13.1° a San Donà di Piave, -12.5° ad Urbana, -11.9° a Adria Valliera e -11.8° a Legnago. Toccati o sfiorati i -10° anche in località interessate dal fenomeno della nebbia.

Nebbia che ha imperversato tutto il giorno limitando così il rialzo termico, le massime in molte località sono risultate comprese tra -3° e -6°.

Anche il giorno 21 si apre molto freddo, cito alcune minime: Rosà -11.7°, Cavazzale -10.7° , tra -5° e -10° le minime in altre località della regione.

Fine seconda parte