Stampa
Reportage
Racconti Meteo


Dopo la parentesi della galaverna clima nuovamente sopra la media.
 



Ci eravamo lasciati nell’ultimo articolo descrivendo una situazione di giornate di ghiaccio in pianura, questa parentesi fredda è durata poco e da inizio anno la situazione termica è nuovamente sopra la media.
Una situazione a dir poco assurda che ha avuto una rottura del tempo a cavallo tra l’1 e il 2 gennaio e per il resto ha portato giornate soleggiate che hanno fatto pensare a tutto ma non di essere in Gennaio.
Il fronte perturbato ha prodotto brevi rovesci nella tarda serata dell’1 e dopo poche ore di pausa la sua entrata franca nella pianura veneta ha prodotto una ciclogenesi temporalesca con fulminazioni e addirittura grandinate che in alcune località hanno imbiancato il paesaggio, il rombare dei tuoni ha rotto il silenzio della notte mentre il tintinnio della grandine che cadeva ha sorpreso la maggior parte delle persone, di solito questo tipo di eventi viene associato alla stagione estiva.
In montagna la neve è caduta sopra 1000 metri ma la velocità del fronte perturbato non ha permesso di avere buone nevicate, oltretutto la temperatura alle quote medie si è abbassata solo verso la fine dell’evento.
Dopo questo passaggio perturbato la circolazione è ritornata di vecchio stampo, con l’ingerenza assidua dell’HP fautore di mattinate freddine e di pomeriggi tiepidi, le minime hanno faticato parecchio ad arrivare allo 0° e dove si è scesi sotto questo limite è stato solo per ragioni topoclimatiche mentre le massime diurne hanno superato i 10° in maniera quasi costante.
L’HP perciò è stato di natura poco invernale, ricordiamo infatti che di solito in inverno l’HP dovrebbe produrre il fenomeno dell’inversione termica con annesse nebbie e galaverne in pianura mentre in questo caso si sono avute minime e massime sopra la media

In conclusione
Abbiamo appena descritto una situazione che ci portiamo avanti da più di 4 mesi e al momento non vi sono segnali di svolta, segnali che di solito in questo tipo di inverni si cominciano a cogliere verso la fine della seconda decade di Gennaio.