Stampa
Reportage
Racconti Meteo

L’anno 2005 inizia nel Villafranchese all’insegna della stabilità e del clima mite con minime di poco sotto lo zero in paese e una massima il giorno 4 salita a +11.3. Dal giorno 5 compaiono le nebbie che ci terranno compagnia per ben 14 giorni consecutivi, pur con intervalli durante le ore diurne. Il giorno 8 in presenza di abbondante galaverna al mattino, la massima non andrà oltre i +1.9 del primo pomeriggio. Ma è il 18 che le cose iniziano a cambiare: infatti alla nebbia del mattino fa seguito un aumento delle nubi con conseguenti precipitazioni che, complice il freddo precedente accumulato in Valpadana, saranno a carattere nevoso fino in pianura con un accumulo pari a 5 cm.

 

 

18/01/2005: Foto scattata intorno alle 16 dove già si nota l’inizio dell’accumulo con temperatura che si mantiene di poco sotto lo zero

 

 

Sarà questo l’unico episodio perturbato del mese, in seguito tempo stabile e spazio per belle giornate di sole accompagnate dal Foehn i giorni 25 e 26 e da gelate mattutine. La minima del mese scenderà a -5.3!

Febbraio invece inizia all’insegna della stabilità e prosegue questo trend fino alla terza decade. Cielo sereno, gelate mattutine e frequenti episodi di Foehn il più forte dei quali, il giorno 13, fa schizzare la massima a +16°. Dal 20 il cambio di circolazione porta alcuni episodi di maltempo che, complici le basse temperature, favoriscono la caduta della neve fino in pianura. Il giorno 20 cade un solo cm mentre la mattina del 21 saranno 4. Seguono giornate con cielo nuvoloso ed estese brinate; il 27 rovescio nevoso intorno all’ora di pranzo e una conclusione del mese con l’ingresso in Valpadana di una massiccia ondata di freddo. Bufera di neve la notte con scarso accumulo (1 cm scarso), forte vento di bora con minima scesa  a –4.2 e massima di soli +2.0°!

 

                 21/02/2005: La campagna Villafranchese imbiancata alle prime luci del mattino

 
Il mese di Marzo inizia all’insegna del freddo record complice un’invasione di gelo dalla Russia. La massima del giorno 1 non supera i 2.9°con cielo sereno e la minima del giorno 2 scende a –7.2 (record per Marzo). Il giorno 3 una perturbazione porta una spettacolare nevicata da “addolcimento”; 10 ore consecutive di neve con temperatura sotto lo zero lasceranno al suolo 12 cm di coltre. La massima non supererà gli 0.6°!!!!Dal giorno 4 tempo in miglioramento ma tutta la prima decade vedrà minime al di sotto dello 0, un record per le città di pianura. Dal giorno 11 clima via via più mite, l’arrivo di un anticiclone ben strutturato nei giorni seguenti favorisce un sensibile rialzo termico tanto che le massime dal 17 al 19 supereranno i 20°(20.9 il 18). Il 24 compare la nebbia e la fine del mese sarà piuttosto perturbata: il 29 sotto il primo temporale stagionale cadono 36.8 mm.

 

 

 03/03/05:Intorno alle 14 la nevicata inizia a fare sul serio e ad attecchire. La temperatura è sottozero e attacca ovunque

 

 

03/03/05: Intorno alle 17 l’accumulo inizia ad avvicinarsi ai 10 cm e la precipitazione prosegue indisturbata

 
 

           04/03/05: La mattina ci sono al suolo 12 cm di neve gelata con presenza di nebbia, minima a –2.1°

 

Aprile inizia all’insegna della stabilità con cielo sereno e clima nella media. Dal giorno 7 frequenti episodi perturbati condizionano le sorti di questo mese con temperature sottomedia. 117,5 i mm caduti distribuiti in 11 giornate. A partire dal 26 ritorna la stabilità con massime oltre i 20° e una punta di 24.9 il giorno 30 per una degna conclusione del mese. 

All’inizio di maggio sembra dover esplodere l’estate (28.4 la massima del giorno 2)ma già dal 4 tornano pioggia e fresco. Il giorno 10 cielo coperto e pioviggine fastidiosa con massima ferma a 16.8°. Ancora peggio il 18 con pioggia battente, cielo coperto, massima a 18° e 39 mm di pioggia caduti. Dal 20 ritorna la stabilità preludio di un’ondata di caldo intensa che investirà tutto il nord Italia tra il 27 e il 31. Si raggiungeranno valori termici vicini ai record storici e in alcuni casi superiori. Il giorno 29 la massima raggiunge i 34.0° seguiti dai 33.9 del giorno seguente. Nulla da dire in merito alla portata di tale evento.

 

Giugno inizia all’insegna della variabilità e del fresco. Il giorno 7 sotto l’incalzare di un moderato vento da E un temporale locale porta una forte grandinata seppur seguita da scarse precipitazioni. Il 14 la massima non supera i 20.1° ma cadranno solo 2 mm di pioggia. Ultima battuta d’arresto prima dell’arrivo a partire dal 16 di un’intensa e perseverante ondata di canicola che ci terrà compagnia fino all’ultimo giorno del mese. Il crescendo delle temperature sarà rapido e costante, il 22 la massima supera i 34°e il 28 con 36.0° verrà raggiunto il valore più elevato di questa fase. Alla fine 15 giornate con massima superiore a 30°di cui 6 oltre i 34°. L’ultimo giorno del mese un passaggio temporalesco segna la fine di questa ondata di caldo.

Il mese di luglio parte molto male, la mattina del giorno 1 cielo coperto con 2 eventi temporaleschi di forte intensità che scaricheranno sul paese 44,5 mm. Sarà una prima decade avversata dalla pioggia e dai nubifragi (5 ) per un totale di 135,5 mm di pioggia che rappresentano un record per inizio luglio.Il giorno 5 la massima non supererà i 23.2°. La seconda e la terza decade trascorrono con clima stabile senza eccessi termici, tuttavia verso fine mese una temporanea ondata di caldo farà registrare il 29 una massima di 35.5°.

Agosto si rivela un  mese più autunnale che estivo, frequenti passaggi nuvolosi e temporali accompagnati da una costante ventilazione. Il giorno 20 un nubifragio con grandine e pioggia violenta scarica 54 mm di pioggia con conseguenti allagamenti e disagi. Il giorno seguente cadranno altri 51,5 mm con una massima ferma a 20.5°. Il prolungato maltempo ci darà una tregua a fine mese quando tornano sole e caldo (massima il 31 a 30.4).

 

 

 

   21/08/05: Cielo settembrino in tarda mattinata con pioggia continua e temperatura ferma a 17.4°.       Sarà così quasi per l’intera giornata

 

Un settembre estivo almeno i primi giorni con una massima di 32.8°il giorno 2. Dal 4 arrivano le nuvole e inizia a calare la temperatura in un contesto comunque molto mite. Il 18 si ha il primo giorno con cielo coperto e pioggia diffusa con 13 mm caduti. La terza decade invece trascorre all’insegna del tempo stabile e mite con prevalenza di sole. Da segnalare la prima nebbia la mattina del 29.

Una prima decade di ottobre avversata da un maltempo con pochi precedenti. In 6 giorni dal 2 all’8 cadono 150,9 mm di pioggia di cui 63 nella sola giornata del 3. Le temperature si mantengono sotto la media del periodo. Anticiclonico e mite fino al 17 e in seguito la tipica variabilità autunnale con piogge e valori termici elevati per la stagione con frequenti nebbie. Il 28 massima a 19.2°. La minima sarà di 6.4° il giorno 19.

Novembre inizia con cielo coperto e nebbioso, sarà così per tutta la prima decade, il giorno 6 cadono 43,5 mm di pioggia. Sul finire della seconda decade correnti da nord portano la prima ondata di freddo stagionale con massime che scendono sotto i 10° e una minima di –2.0° la mattina del 20. Dal 24 al freddo si associano le nubi e le precipitazioni che, stante le temperature, assumeranno carattere nevoso fino in pianura. Il pomeriggio del 26 in seguito ad un intensificarsi della precipitazione si deposita al suolo 1 cm di dama bianca. Sarà una toccata e fuga perché fino a fine mese tornano nubi e nebbie con temperature sempre alquanto contenute.

Una prima metà di dicembre in media e piuttosto nuvolosa e nebbiosa come fa parte delle caratteristiche climatiche del mese. Nella seconda metà clima via via più freddo con minime sottozero e massime contenute entro gli 8°. Dopo Natale una perturbazione a carattere freddo riporterà la neve in pianura, ma mentre Brescia nei giorni 27 e 28 verrà ammantata da 30 cm di coltre, Verona e provincia faranno da spettatori vedendola solo cadere a ripetute fasi ma sempre senza accumulo ad eccezione di Valeggio e della zona del Lago di Garda. Il giorno 30 minima a –6 con gelo intenso mentre il 31 una debole perturbazione regalerà un fine anno sotto una bella nevicata che depositerà al suolo 3 cm di manto per un Capodanno proprio con i fiocchi!

 

E adesso un riepilogo di alcuni parametri dell’anno 2005:


 

 

                                                                                                                                                       Daniele Polato