Eccomi partire assieme ad altri 6 amici per la prima scialpinistica della stagione sul Monte Cornetto nel Gruppo del Bondone. In realtà la preparazione del materiale il Venerdì sera è stata piuttosto comica: infatti tutte le speranze erano rivolte alla perturbazione della notte dato che i 20cm presenti non erano di certo sufficienti per fare una salita e soprattutto una discesa accettabile. E la notte piove bene, sento l’acqua forte verso le 3:00 e sono davvero contento. Partiamo con calma da Vicenza Sabato alle ore 7.45 sotto l’acqua battente. Temperatura di 6,5°C, ma l’aria sciroccale è ormai inconfondibile. Mhhhh, mi dico, in Prealpi pioverà fino almeno a 1300mt. Addio sogni di gloria per Asiago, Gallio e il M. Corno di Flavio. E passando per Verona ne ho la conferma dato che lo stesso termometro dell’auto mi segna +10°C contro i 6,5°C di Vicenza……
Ma la sorpresa deve ancora arrivare. Mi domando se a Trento avrà retto il cuscinetto visti i +10° di Verona. Ovviamente mi rispondo di no. Beh, ad Affi sono già solo +5°C e cambio subito idea, ad Ala-Avio +3°, +1+2 a Rovereto, 0°C giusti dieci km prima di Trento e fino a Trento!!! L’autostrada un vero macello, impieghiamo mezzora ad uscire a causa di spazzaneve e Polizia che giustamente controlla la gommatura delle auto.

user posted image

In città ci sono 35cm di neve pesante e nevica alla grande. Traffico paralizzato. Un po’ sconcertati prendiamo la strada del Bondone.

user posted image

user posted image

In dieci km saliamo di 1000mt fino ad arrivare a Viote al Bondone (1500mt e -1,5°C). Bufera, neve ovunque, passiamo anche il paesino di “Norge”, mai nome fu più appropriato alla giornata e scendiamo dall’auto preparandoci sci, scarponi e zaini. I responsabili della zona intenti a liberare tutto dalla neve ci scambiano per dei pazzi. Ovviamente hanno ragione. Dopo dieci minuti una luce fortissima e poi un tuono, forte!!! Temporale di neve e fiocconi enormi che in quindici minuti sommano altri 5cm ai 50-60cm già presenti.

user posted image

Il nemico, lo spazzaneve
user posted image

user posted image

Noi partiamo, la gita scialpinistica si rivela il classico “come m’è dolce naufragar in questo mare”, ma …..davvero questa è un’altra storia.
user posted image

user posted image

user posted image

Al Pomeriggio i marziani con il sole
user posted image

Per la cronaca Ieri sono stato al Passo San Pellegrino e il paese di Falcade era davvero in grande spolvero.

Ciao,

Fabio