Nuove notizie

Giovedì 13 marzo 2008 alle ore 17.30 presso il Museo di Storia Naturale di Verona, Palazzo Pompei, Lungadige Porta Vittoria 9, si terrà una conferenza sul tema “I cambiamenti climatici e il futuro del nostro pianeta”, con ingresso libero.

Interverrà il Professor Filippo Giorgi, responsabile della Sezione di Fisica della Terra del Centro Internazionale di Fisica Teorica (ICTP) di Trieste e Vicedirettore del Working Group-1 del Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (IPCC) dell’ONU, Premio Nobel per la Pace 2007.
Alla tavola rotonda interverranno inoltre i fisici Prof. Emilio Burattini, ordinario di Fisica e Presidente della Facoltà di Scienze dell’Università degli Studi di Verona, e Prof. Renzo Rosei, ordinario di Fisica della Materia presso l’Università degli Studi di Trieste.
Introdurranno l’evento il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Verona Prof. Alessandro Mazzucco e l’Assessore alla Cultura del Comune di Verona Dott.ssa Erminia Perbellini.

L’evento è organizzato dall’Università degli Studi di Verona in collaborazione con il Museo Civico di Storia Naturale per offrire alla città l’opportunità di ascoltare uno dei più prestigiosi scienziati internazionali nel settore dei cambiamenti climatici, questione che pone sul tappeto una serie di problemi e interrogativi cui nessun Paese può sottrarsi e sui quali la collettività deve acquisire consapevolezza. U

fficio Stampa Museo Civico di Storia Naturale :
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
045 8079424

Museo Civico di Storia Naturale di Verona

Locandina  


Correnti meridionali in quota porteranno un ultimo, intenso, peggioramento
che coinvolgerà progressivamente le nostre regioni settentrionali dalla serata di oggi.
Nella mattinata di domani sono attese precipitazioni particolarmente abbondanti
sulle zone interne della Liguria di Levante e la fascia prealpina di  Lombardia, Piemonte orientale,
Veneto e Trentino meridionale.
La quota neve sarà variabile di regione in regione, addirittura da valle a valle in funzione dell'orografia, con
circa 700- 800mslm sulla Lombardia più nord occidentale, il Trentino ed ampi settori Dolomitici Veneti e Friulane.
Limite a 1000-1100mslm, in progressivo rialzo durante il giorno sulle prealpi Venete e le Orobie lombarde, con neve copiosa.
Attesi venti moderati a tratti forti alle alte quote.
Prestare quindi attenzione alla viabilità se si percorreranno vallate alpine;
premunirsi di catene a bordo! 
La giornata di oggi trascorrerà con isolati rovesci sparsi sulla pianura lombarda e piemontese
e l'entroterra Ligure con deboli rovesci di neve sino ai 400-500m su Ossola, Savonese ed
Alpi occidentali lombarde.
www.meteoarena.com 

Meteo4 é lieta di invitare tutti i suoi lettori a questo evento speciale che si terrá il 22 gennaio 2008 dalle ore 16.00.
Di seguito la locandina con le indicazioni principali.
Vi aspettiamo numerosi!  Volantino in formato PDF
Emilo Bellavite
Meteo4, in collaborazione con la 5° circoscrizione del Comune di Verona, é lieta di invitare tutti i suoi lettori a questo evento speciale che si terrá il 23 febbraio 2008 dalle ore 14.30.
Di seguito la locandina con le indicazioni principali.
Vi aspettiamo numerosi!  Volantino in formato PDF
Locandina conferenza 23 febbraio 2008

Da giovedì la nostra regione sta vivendo una fase di tempo umido e piovoso in pianura a causa della persistenza di una depressione Atlantica rallentata nel suo incedere verso est, dall’anticiclone a carattere freddo presente sull’Europa orientale. A livello meteo dunque dopo le iniziali deboli nevicate nella giornata di giovedì, causate dalle iniziali basse temperature eredità dell’irruzione fredda di inizio anno, è avvenuta a partire dalla notte di venerdì ed è tutt’ora in atto una fase di raddolcimento termico con pioggie e quota neve in deciso rialzo per i venti di scirocco richiamati dalla già citata perturbazione di origine oceanica. In queste ore nevica sulle Prealpi venete mediamente oltre i 1200 mt di quota.
Alle ore 15,30 di oggi  vi sono condizioni di scarsa escursione termica dovute alla copertura del cielo. Valori ovunque compresi tra +4°/+6° tranne punte di +8° sull’area del delta del Po che più risente del vento mite di scirocco