Sono in corso le prime deboli precipitazioni, tipicamente associate ad un sistema perturbato "prefrontale caldo" sulle pianure Lombarde centro-orientali, ed in particolare sul Bresciano e Venete occidentali.
Tali piogge mostrano una decisa difficoltà a trasferirsi verso levante ad interessare i settori più orientali della nostra regione, dove continuano comunque a permanere delle deboli foschie accompagnate da temperature sull'ordine dei 10-11°C.
La quota neve è posizionata intorno ai 1600-1700m sulle prealpi ma senza accumoli ed in ulteriore aumento nelle prossime ore.
Il "clou" del peggioramento si avrà domani quando il Bresciano,il Trentino meridionale, l'alto Garda e le zone montane del Veronese saranno interessati da precipitazioni anche intense.