Nuove notizie


Ebbene si possiamo dirlo con certezza oramai!

La spinta da sud dell'alta di origine africana in questo mese è diventata cosa normale. Sempre che in meteo esista un concetto di normalità,forse sarebbe meglio parlare di ciclicità. In tutti i casi stando ai dati recenti a nostra disposizione dal dopoguerra è sicuramente il periodo iniziato con gli anni '00 a vedere un cambiamento climatico sostanziale per questo mese. Infatti precedentemente questo decennio il mese di giugno era un mese spesso ancora di transizione. E assolutamente instabile per quasi tutto il suo percorso. In realtà la nuova dinamica dell'atmosfera che predilige i movimenti per meridiani ha radicalmente cambiato faccia al mese facendolo diventare pienamente estivo. Chiaramente anche nei mesi di luglio e agosto molto spesso l'africano ci fa visita ma primo è più normale che lo faccia secondo ha comunque una frequenza inferiore al mese di giugno. Il risultato di questo evidente cambiamento è che questo mese è quello che maggiormente presenta aumenti termici medi nel corso dei giorni. Dall'altra parte però non ha perso la propria piovosità proprio perché l'energia che produce questo tipo di situazione barica viene spesso colmata da azioni contrarie molto violente con temporali e forti raffiche di vento se non formazioni di trombe d'aria e similari. In pratica è forse il mese che maggiormente ci rende consapevoli dell'estremizzazione climatica in atto. I motivi non li discutiamo in questa sede ma certamente sono occasione per riflettere.

Oggi ci ha lasciati il nostro amico Meteorologo Emilio Bellavite.

Con la tristezza di chi ha perso un'amico ed un maestro lo staff di Meteo4 porge le più sentite condoglianze a tutta la famiglia.  

Sono davvero commosso è difficile spiegarlo a parole. Emilio non è un mio parente ma è stato molto di più. Mi ha arricchito la passione per questa materia con i suoi interventi in tv e sui giornali. Per anni è stato il faro di ogni previsione meteo. Ho seguito i suoi interventi come se da lui e solo da lui potessi comprendere la meteo. Oggi non ci ha lasciato ora ci seguirà con passione e sorriso proprio dal cielo che ha amato tanto. Un giorno Emilio tu mi hai scelto,donandomi i tuoi registri,dopo che ti ho inviato una semplice lettera. Rimasi sorpreso ed esterafatto che fra tanti tu scegliessi proprio me. Mi dissi di prendere i dati e se volevo di donarli al meteo4 a perenne memoria e di citare sempre la fonte. E così è stato Emilio. Grazie mille per la generosità di quel gesto nei miei confronti. Non potrò mai dimenticarlo. Ora il meteo 4 è un grande gruppo,nato da te e da Angelico Brugnoli che immagino ti stia pensando con grande stima e piacere. Grazie davvero Emilio,grazie sincero per tutto. La meteo a Verona conta in proporzione agli abitanti un altissimo numero di appassionati e questo è un tuo merito. Il meteo 4 è nato perchè altri come te possano proseguire il tuo lavoro. Grazie maestro per tutte le emozioni che ci hai dato e personlamente per avermi scelto. Ti porto nel cuore. Massimiliano

Recentemente il nostro socio onorario Angelico Brugnoli ha festeggiato il suo 82° compleanno, un uomo con lo spirito di un 20 enne, sempre mosso da curiosità e voglia di sapere, affamato delle nuove tecnologie e votato ai rapporti umani. Naturalmente è stato sommerso da una marea di auguri da ogni parte, a noi, appassionati di meteorologia come lui, ci ha fatto pervenire questa risposta di ringraziamento, che vogliamo condividire con tutti i nostri lettori.

Ringrazio di cuore tutti coloro che mi hanno ricordato in questo mio 82°compleanno.Il "vecchietto" è rimasto piacevolmente sorpreso di essere ancora tanto amato dai componenti di Meteo 4. Sono profondamente commosso ma sappiate che vi ricordo spesso e praticamente non passa giorno che non entri nel sito a leggere i vostri interventi o commenti.La mia passione per la meteoclimatologia naturalmente continua dal 1948 quando con Emilio ho cominciato a scrivere il primo quaderno di osservazioni.Il resto è storia che molti già conoscono.Importante che ognuno di voi, pur con le preoccupazioni e le ansie della vita non perda questa passione che, come del resto tutte le altre cose della vita, è ricca di soddisfazioni ma anche di qualche delusione.Quando il TS passa a un Km oppure la neve arriva fino a mezza strada con il primo paese. E a Verona succede ancora più spesso che dalle altre parti.Ricordo i lampionari, ma di lampioni ne ho guardati tanti anch'io, specie quando erano rari e con luce molto debole.Inportante poi l'arrivo delle perturbazioni, specie quelle di neve. "Sai, forse cambia in neve. Ho gia visto qualche cacca di piccione"!.Un ricordo speciale e doveroso alle "ragazze" mogli o compagne di quei matti di Meteo 4, tra i quali mi ci metto anch'io.Specialmente con la neve, ma anche con altri tipi di perturbazioni in arrivo, ragazze sempre li ad aspettare, ad aspettare le coccole che non arrivano mai."Sai, cominciano i lampi sul lago. Sai forse cambia in neve. Sai il vento si è rafforzato. Sai la temperatura è proprio bassa".E così in queste occasioni, niente coccole, coccole completamente perse.Così sono quei matti di Meteo 4!"Preferisci il temporale o la neve a me!!!“Dovevamo uscire e guarda che tardi che abbiamo fatto”!"Ma non è vero, è che tu ci sei anche domani sera, cerca di capire"!!!!“Domani sera sono tutto per te”!!Ai più giovani, a quelli che hanno cinquantanni meno di me, dico di non mollare, anche se c'è la crisi strisciante. Per vincere la lotta della vita è necessario affrontarla con il sorriso e l'amore. Un sorriso e l'amore ti aprono spesso porte completamente chiuse. Provare per credere.Vi ricordo dunque tutti e vi ringrazio con tutto il cuore, sperando di trovarmi presto con voi con le gambe sotto la tavola a inneggiare a METEO 4Il "vecchietto" Angelico.

Ecco come entrare nella rete di Stazioni Meteo4.

Vi chiediamo di inviare all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. le seguenti informazioni:

- nome e cognome dell'utente
- indirizzo dell'utente (facoltativo)
- username e password preferite
- marca e modello della stazione
- città
- coordinate (latitudine e longitudine)
- altitudine sul mare
- altezza dello schermo dal suolo
- schermatura (ventilata o no)
- tipologia (urbana, rurale, montana, etc)
- ubicazione (giardino, tetto, campi, etc.)
- eventuale sito web
- indirizzo e-mail

Vi informiamo che i dati possono essere utilizzati dall'Associazione per scopi scientifici e senza finalità di lucro, pertanto è importante mantere la stazione on-line almeno 12 ore al giorno, o almeno quante piú ore possibile.