Stampa
Didattica
Didattica meteo
Il fulmine è il prodotto di una scarica elettrica che avviene nell'atmosfera. Affinché un fulmine venga generato occorre che si crei una differenza di potenziale elettrico tra una nuvola e il suolo o all'interno di una nuvola.
Le cariche della nube ne inducono altre di segno opposto a terra, questo finché una scarica pilota, alla velocità di 100 km al secondo, non ne incontra una di segno opposto proveniente da terra (o da un'altra nuvola).
L'incontro genera un canale di aria molto ionizzata attraverso cui passano le cariche elettriche di segno opposto. Il passaggio delle cariche genera calore (fino a 30.000 gradi) e rende il canale visibile.
 Questo canale di luce e calore è il fulmine.
L'espansione del canale ionizzato genera anche un'onda d'urto rumorosissima, il tuono. L'intensità elettrica di un fulmine varia tra i 10.000 e i 200.000 A.

Esistono quattro diversi tipi di fulmini:
negativo discendente, la scarica pilota ha carica negativa e parte dall'alto;
positivo discendente, la scarica pilota ha carica positiva e parte dall'alto;
negativo ascendente, la scarica pilota ha carica negativa e parte dal basso;
positivo ascendente, la scarica pilota ha carica positiva e parte dal basso.

I fulmini sono responsabili della fissazione dell'azoto, ovvero della combinazione di questo con l'ossigeno a formare ossidi di azoto.
Da questi derivano i composti azotati, molto utili allo sviluppo delle piante