Didattica

  • Introduzione generale

L’isola di calore urbana è un fenomeno a scala locale che interessa i centri urbani e si identifica con un aumento della temperatura dell’aria rispetto alle zone rurali. Ciò è dovuto principalmente alla presenza di superfici asfaltate ed edificate che assorbono l’energia solare durante il giorno e la riemettono sotto forma di radiazione infrarossa durante la notte. Altri fattori meno importanti che influenzano l’andamento della temperatura in contesti urbani sono il traffico veicolare, la vicinanza ad aeree industriali e, in inverno, l’utilizzo del riscaldamento.

Oggi come ormai ben sapete è il cinquantesimo anniversario della cosiddetta “Alluvione di Firenze”, ma questo termine è un po’ stretto da un punto di vista geografico perché in realtà fu il Nord-est  l’area maggiormente colpita sia in termini precipitativi sia per i danni e le vittime. Certamente a Firenze il fenomeno fu molto concentrato in termini di vittime, danni e sfollati e quindi per il nome simbolico di questa alluvione si prese il nome della città Toscana.

I cumuli sono associati a forti correnti ascensionali verticali che portano l’aria calda dal suolo all’alta atmosfera. La risalita veloce di questa massa d’aria crea un’onda d’urto che spinge verso l’alto gli strati d’aria sovrastanti. Se questi strati sono umidi e vicini alla temperatura di rugiada, il sollevamento provocato dall’onda d’urto permette la loro condensazione e, nella zona di sollevamento, si formano delle nubi stratificate molto sottili che tendono a mantenere intatta la loro stratificazione.

Questa sera l’aria molto fredda in quota ha mantenuto della nuvolosità alta e stratificata costituita da microscopici cristalli di ghiaccio. Al tramonto è quindi comparso un effetto iridescente ad arcobaleno che disegnava una volta attorno al sole. Si tratta semplicemente della rifrazione della luce solare che, attraversando i cristalli di ghiaccio, viene scomposta con lo stesso principio del prisma ottico.

Europa, SAT infrarosso

Europa all'infrarosso 

Satellite polare 

Radar Veneto Teolo 128 km



Radar Veneto Teolo 250 km

Radar Veneto Sagittaria 128km

Radar Veneto Sagittaria 250 km

  

Radar Abruzzo


Tempo in atto in Europa



Temperature in Europa
 

Intensità fulminazioni



Analisi pressione e fronti al suolo

Sottocategorie

Raccolta di risposte che il meteorologo Emilio Bellavite ha dato alle innumerevoli domande che gli sono state rivolte nel corso degli anni. Chiunque avesse domande riguardanti il clima non solo di Verona, può iscriversi al nostro Fourm, dove troverete chi sarà in grado di rispondere.

Sezione dedicata agli strumenti meteorologici, al loro posizionamento, alle norme OMM.
Sezione dedicata alla divulgazione scientifica di vari argomenti innerenti alla meteorologia.