Nel corso di questo ultimo decennio ci sono stati alcuni mesi che sono stati a dir poco gelidi, alcuni sono passati alla storia, mentre altri sono finiti nel dimenticatoio: uno di questi è il gennaio 2000. Nella bassa pianura il freddo lasciato in eredità dalla fine di dicembre, unito alla naturale inversione termica invernale, ha contribuito ad aumentare le caratteristiche di un clima sempre più rigido. Nella terza decade il mese si è potuto avvalere pure di una buona fase fredda.

Montagnana nella prima settimana dell’anno ha avuto minime comprese tra -5.2° e -7.1° La prima decade oltretutto può vantare al suo attivo 4 giornate di ghiaccio.

Nella seconda decade le massime si sono rialzate un po’, fino a toccare (voce fuori dal coro) gli 11.5° il giorno 19; in questa decade la media minime rimane molto bassa, e nonostante un clima apparentemente meno rigido il giorno 17 i termometri sono scesi a -5.9°.Nell’ultima decade è entrata in scena un’ondata di freddo importante: nei giorni 22 e 23 le massime sono rimaste attorno ai 4°, il giorno 24 solo 1.8° la massima; nei giorni seguenti poi il freddo mattutino è diventato veramente forte: -9.5° il 25, -11° il 26, -10.1° il 27. Il mese ha chiuso con una media mensile di -0.6°, -5.1° di media per le minime, 4.7° per le massime.

Verona Villafranca può contare su un clima leggermente meno rigido, infatti nessuna giornata di ghiaccio viene registrata, mentre i 10° vengono superati 3 volte nei giorni 5,18 e 21. La stazione però può vantare un giorno di neve all’attivo, il 24. Il valore minimo raggiunto è stato di -9° nei giorni 26 e 27, alla fine la media minime è stata di -4.6°. Il valore massimo raggiunto è stato di 11° nei giorni 5 e 21, la media massime di 5.8°. Il mese complessivamente ha avuto una media di 0°.


I dati provenienti dalla stazione di Vicenza raccontano un mese “meno rigido”, rispetto alle due stazioni esaminate in precedenza. Nessuna giornata di ghiaccio viene registrata, mentre i 10° vengono superati o eguagliati per ben 7 giorni; la media massime complessiva è stata di 7.2° . La media minime invece è stata di -4.1°: nella prima decade i valori minimi si sono attestati tra -2° e -7°; nella seconda decade tra 0° e -4.6°; nell’ultima decade tra -1.4° e -9°. Il mese ha avuto una media complessiva di 2°.


Treviso S.Angelo ha avuto anch’essa, come le stazioni sopraccitate, un gennaio freddo, anche se la media minime è stata maggiore fermandosi a “soli” -3.6°. Nessuna giornata di ghiaccio all’attivo, una giornata di neve all’attivo il 22 gennaio. Il limite dei 10° è stato superato o eguagliato per 7 giorni, il mese si è concluso con una media massime di 6.9°.Le minime si sono attestate tra 0° e -6° in prima decade, tra 0° e -5° in seconda decade e tra -2° e -8° in terza decade. Il mese ha chiuso con una media complessiva di 0.7°.

 

Venezia Tessera, sempre nell’ambito di un clima freddo, ha avuto, come è lecito attendersi da una località più vicina al mare, una minore escursione termica: la media minime è stata di -2.2°, la media massime 6.4°. I 10° sono stati superati solo una volta il 7 gennaio. Le minime si sono attestate tra +1° e -4° in prima decade, tra 0° e -3.7° in seconda decade, tra -1° e -7.3° in terza decade.

In conclusione

Dai dati provenienti dalle poche stazioni esaminate si evince che il gennaio 2000 è stato un mese molto freddo. Scopriremo insieme ai lettori che nell’arco del decennio sono stati pochi i mesi con una media minime così bassa. Vorrei inoltre rimarcare, che anche se sopra non l’ho scritto palesemente, che il numero di giorni di gelo in alcuni stazioni ha fatto l’en plein, o quasi.

Siro Morello