Concludo questa serie di inverni storici degli anni 40.....


INVERNO 1946/47


Insieme all’inverno 1941/42 rappresenta il secondo inverno più freddo mai registrato dal 1900 ad oggi dopo il 1928/1929, con una media di –0,1°C.
Dicembre si presenta senza particolari ondate di gelo, ma tanta nebbia e forti inversioni termiche, alla fine risulterà sul NE con anomalie di -1,2/-1,4°C dalla media normale.
Gennaio 1947 risulta come il più freddo mai registrato (dal 1900 ad oggi) su gran parte del NE, con una anomalia che risulterà variabile tra –4,2°C e i –4,8°C rispetto alla media!!!! (tanto per fare un esempio il famoso 1985 non superò –3,5°C nei casi più estremi…….).
La figura predominante in Europa è un Orso Russo in forma splendida che piazza i suoi massimi tra la Scandinavia e l’Europa settentrionale e favorisce correnti gelide per tutto il mese, salvo una relativa pausa tra il 14 e il 19.
Nei primi 13 giorni le minime oscillano tra i –6°C e i –16°C e le giornate di ghiaccio toccano in molte città del NE valori da Nord Europa con cadute di neve il 6 e il 13 con 20/25cm complessivi.
In particolare rimane molto particolare la giornata del 5 gennaio (sembra strano ma ricorre sempre questa data in eventi storici…..) in cui le massime non superano i –5°C e la Bora supera gli 80Km/h su gran parte delle pianure, anche interne.
Come detto le massime tornano qualche grado soprazero nella parte centrale del mese, ma di nuovo l’Orso Russo mette un’altra zampata, con altre 8 giornate di ghiaccio negli ultimi 10 giorni!!!
Le minime oscillano stabilmente tra i –5 e i –11°C e le giornate di ghiaccio fanno registrare massime mai al di sopra dei –2°C e neve il 25 e 26 con circa 15-20cm.
Nuovamente in questa fase la Bora domina la scena e soffia spesso sopra i 70km/h anche all’interno della nostra regione.
In Europa si hanno per lunghi periodi minime tra –15 e –20°C, anche in Francia, nell’Europa centrale e orientale si superano spesso i –25°C e punte di –30°C su Polonia, Ungheria, Romania, Bulgaria.
Febbraio inizia ancora sotto un gran gelo con minime oltre i –7°C, poi per gran parte del mese domina Alta pressione e nebbie gelide che portano anche questo mese con scarti di oltre i –3/-3,3°C su Veneto ed Emilia.


INVERNO 1947/48

Un inverno nel complesso nella media, ma è da segnalare un febbraio a dir poco singolare……
Dopo un inizio a dir poco primaverile con massime oltre i 12/13°C e minime sopra lo zero fino a metà mese, qualcosa cambia e si registra una delle terze decade più fredde mai registrate grazie ad un HP Russo che spinge la sua influenza su gran parte dell’Europa.
In particolare, dal 19 le temperature precipitano, le massime non vanno oltre i 2-4°C e le minime sprofondano con valori oltre i –12/-14°C tra i giorni 24 e 25, e altre punte vicino ai –10°C negli ultimissimi giorni.
Non sono segnalate nevicate, almeno nel medio e basso Veneto, mentre in FVG e in Romagna sono segnalate forti nevicate.